In Irlanda è al vaglio un progetto che permetterà di pompare 330 milioni di litri di acqua al giorno dal fiume Shannon: eccone i dettagli


Irlanda: allo studio un ambizioso progetto di pompaggio contro le carenze idriche

Ebbene sì: anche l’Irlanda, a dispetto del suo soprannome “l’isola di smeraldo” (attribuitole per via del verde rigoglioso della sua vegetazione, frutto dell’elevata piovosità che ne contraddistingue il clima), potrebbe presto incappare in problemi di approvvigionamento idrico.

Sono soprattutto la capitale e le cosiddette Midlands – ovvero le contee situate nella zona centro-orientale dell’isola – a essere maggiormente esposte nei confronti di queste problematiche: si calcola infatti che, se le infrastrutture per la captazione e la distribuzione di acqua non verranno potenziate, da qui al 2025 la crisi potrebbe diventare reale a causa dell’aumento costante del fabbisogno di acqua potabile.

Il fiume Shannon in Irlanda

La prima ipotesi presa in considerazione era quella di approvvigionarsi di risorsa idrica dal mare, per mezzo di impianti di desalinizzazione, ma ciò avrebbe comportato grossi problemi a livello pratico come ad esempio la produzione di milioni di litri di “salamoia” di difficile smaltimento. L’ente Irish Water si è quindi rivolto a una soluzione alternativa e, pare, sei volte meno costosa: l’estrazione di acqua dal fiume Shannon.

Il progetto, attualmente in fase di sviluppo e con un costo ipotizzato di 1,3 miliardi di euro, prevede il pompaggio giornaliero di 330 milioni di litri dal bacino di Parteen, situato nella contea di Tipperary, che verrebbero pompati fino a Peamount (Dublino) attraverso una condotta lunga 170 km e da qui distribuiti nella rete idrica locale. L’acqua nella condotta sarà disponibile per il prelievo anche nelle contee attraversate.

Gli oppositori al progetto sostengono che bisognerebbe, piuttosto, investire su riparazioni e ammodernamenti dell’attuale rete idrica, che degli 1,67 miliardi di litri generati ogni giorno ne spreca ben 658 milioni a causa di tubazioni che perdono. Tuttavia gli esperti di Irish Water sostengono che occorra in ogni caso investire sul futuro, poiché è solo migliorando l’approvvigionamento con un efficiente sistema di pompaggio e trasporto che si eviteranno le carenze idriche.

A proposito di efficienza: mentre l’ambizioso progetto irlandese dovrebbe essere completato solo nel 2025, già sin d’ora sono disponibili le affidabili e performanti soluzioni di Pompe Zanni, che propone alla sua clientela elettropompe sommerse, ad asse verticale e orizzontale e una gamma completa di modelli tali da soddisfare qualsiasi necessità pratica. Contatta lo 0522.626636 per maggiori informazioni.

INFORMAZIONI E PREVENTIVI
oppure
+39 0522 626636